Didascalia

Quello dell’8 e 9 dicembre sarà il primo weekend invernale di traffico intenso ed è per tale ragione che ‘A4 Holding’ ha attivato il Piano di gestione delle emergenze invernali nel periodo compreso fra novembre e marzo sui 235 km della A4 Brescia – Padova (e della A31 Valdastico e su tangenziali e raccordi esterni di propria competenza).
Obiettivo del Piano è quello di far fronte alle esigenze di sicurezza, determinate sia dal clima rigido che dai volumi di transito sull’autostrada.
Lo storico dei dati di traffico degli ultimi cinque anni per il mese di dicembre infatti permette ad ‘A4 Holding’ di ipotizzare, già a partire da giovedì 6 dicembre per chi proviene da Milano per la festività di Sant’Ambrogio e per l’intero weekend dell’8 dicembre, alti livelli di concentrazione di transito in prossimità delle aree urbane, oltre che in corrispondenza dell’interconnessione in direzione del Brennero, e conferma la tendenza ai picchi di traffico nel periodo natalizio compreso fra il 23 e il 31 dicembre verso gli Altipiani veneti e trentini (principalmente attraverso il casello di Piovene Rocchette).
Il Piano prevede un programma organico di interventi predisposto con un’altissima professionalità tecnica e mirato ad anticipare, quando non a risolvere, i possibili disagi dovuti alle temperature, al ghiaccio e alle precipitazioni nevose e garantire così la regolare fluidità e sicurezza della circolazione stradale sull’intera tratta di competenza.
Nel dettaglio è prevista l’attivazione di una flotta di 289 unità fra mezzi e attrezzature invernali dislocate in 8 Centri Servizi Invernali principali e 7 Centri Servizi Invernali secondari, disposti in diversi punti all’interno della rete autostradale e che occupano mediamente 390 collaboratori fra autisti, manovratori e personale dedicato alle aree di servizio e parcheggio.
Il tutto supportato dal ‘COV’ (Centro Operativo di Viabilità), cuore nevralgico della gestione della viabilità autostradale nella tratta di competenza e situato nella sede di Verona di ‘A4 Holding’, e dagli 80 addetti ausiliari alla viabilità.
Il Piano predispone e programma tutti gli interventi preventivi, al fine di evitare la formazione di ghiaccio e forti accumuli di neve al suolo, con particolare attenzione alle zone maggiormente esposte al rischio di precipitazione a carattere nevoso, che storicamente sono quelle fra Brescia Ovest e Sirmione, fra Montecchio e Vicenza Est e sull’intera A31 Valdastico.

 

Fonte: bsnews.it – 5 dicembre 2018

Pubblicato 06/12/2018