Didascalia

Le auto elettriche prodotte in Europa dovranno far rumore: lo stabilisce una direttiva comunitaria  entrata in vigore il 1° luglio che stabilisce che tutti i nuovi modelli di vetture elettriche e ibride tradizionali o plug-in immatricolate in Europa, dovranno essere equipaggiati, di serie, con il sistema “Avas”, acronimo di AudibleVehicleAlert System, in grado di emettere un suono per avvertire i pedoni nelle immediate vicinanze, della presenza del veicolo. Il dispositivo rimarrà attivo fino al raggiungimento di una velocità di 20 chilometri orari.
Il legislatore europeo ha previsto che il suono emesso dalle auto a batteria potrà essere personalizzato dai diversi costruttori, a patto che non sia disattivabile, abbia la capacità di coprire tutte le frequenze e non superi i 75 decibel misurati alla distanza di due metri. L’obbligo scatta anche per le vetture già in circolazione che hanno tempo di adeguarsi alla normativa fino al 2021.
L’Unione europea non è stata l’unica ad aver preso questo provvedimento: la National HighwayTrafficSafety Administration degli Stati Uniti ha imposto che dal 1° settembre 2019 tutte le auto ibride ed elettriche, dovranno emettere uno specifico suono di sicurezza fino alla velocità di 28 chilometri orari.

 

Fonte: TTS ITALIA da L’Automobile – 4 luglio 2019

Pubblicato 12/07/2019