Didascalia

Non era questione di ‘se’, ma di ‘quando’ il vento sarebbe cambiato. Il fatidico giorno è arrivato nel Regno Unito, in anticipo rispetto alle previsioni iniziali: le colonnine di ricarica per le auto elettriche superano le stazioni di servizio. Lo annunciano gli studi operati da una nota casa automobilistica giapponese, che segnalano un declino dei sistemi canonici mentre le soluzioni “green” si diffondono a macchia d’olio. Il Costruttore nipponico prospettava un’inversione di tendenza per il 2020. Tuttavia, ci sono già quasi mille luoghi pubblici in più dove caricare i veicoli a zero emissioni, paragonate alle pompe di benzina. In numeri, si tratta di 9.300 contro 8.400.
Anche se questa potrebbe non costituire una correlazione statistica in senso stretto, rivela l’evolversi dei tempi. Con l’aumentare delle infrastrutture di ricarica, il numero dei centri tradizionali è diminuito e infine ha ristagnato allo stesso tempo. Quasi l’80% delle stazioni di servizio in Gran Bretagna ha chiuso dal 1970, mentre il numero di punti di ricarica per le auto elettriche è cresciuto di qualche centinaio nel 2011 a oltre 9mila nell’agosto 2019.

 

Fonte: clubalfa.it– 27 agosto 2019

Pubblicato 02/09/2019