Didascalia

C'è tempo fino al prossimo 15 maggio per cambiare le gomme invernali al proprio veicolo, operazione indispensabile per non incorrere nelle sanzioni previste dalla legge n.120 del 29 luglio 2010. A dire il vero, la legge prevede l’obbligo di montare pneumatici invernali o di portare catene a bordo dal 15 novembre fino al 15 aprile dell’anno successivo, quindi il termine di legge sarebbe scaduto. La data del 15 maggio è quindi un termine di tolleranza. Sono inoltre previste estensioni o riduzioni del periodo di vigenza in base alla posizione geografica e alle condizioni climatiche: ad esempio, nelle zone più fredde l’obbligo di circolare con pneumatici invernali può iniziare prima e terminare dopo.
La normativa che prevede l’utilizzo di un sistema adeguato alle condizioni climatiche va rispettata, non solo per evitare sanzioni pecuniarie ma, soprattutto, per circolare in sicurezza. La condizione ideale, che permette maggiore tranquillità anche su fondi stradali ghiacciati o sdrucciolevoli, è proprio quella di montare gomme invernali. Queste, in virtù di una mescola speciale, presentano tasselli con incavi più profondi e lamelle poste sul battistrada che permettono una migliore aderenza al manto stradale: ciò significa spazi di frenata ridotti, quindi una maggiore sicurezza.
Lo pneumatico è un elemento fondamentale per la sicurezza del veicolo, poiché è l'unico contatto tra l'automobile e la strada: proprio per questa sua funzione, molte leggi ne regolano l'utilizzo. Le caratteristiche dello pneumatico sono identificabili, in modo chiaro, tramite le informazioni scritte sulla “spalla”. In particolare, le gomme invernali sono individuabili dalla marcatura M+S (Mud+Snow, Fango + Neve) o anche “MS”, “M/S”, “M-S”, “M&S” presente sul fianco dello pneumatico.
Esistono tuttavia degli pneumatici cosiddetti "all seasons" o "all weather", gomme che si collocano tra le estive e le invernali, con un battistrada di altezza intermedia tra quella degli invernali e degli estivi e sono progettate per offrire aderenza su asfalto asciutto o bagnato.

 

Fonte: perugiatoday.it – 26 aprile 2021

Pubblicato 01/05/2021