Didascalia

I primi mesi dell’anno in corso hanno visto in Liguria un aumento dei controlli in materia di autotrasporto, anche con riferimento ai veicoli che per dimensioni o carico trasportato superano i limiti previsti dal codice della strada. Nei primi mesi dell’anno, gli operatori della Stradale ligure hanno accertato, su un totale di circa 3000 sanzioni in materia di trasporto commerciale (la maggior parte delle quali relative alla violazione dei tempi di guida e riposo), 40 violazioni relative ai trasporti eccezionali.
Quest’ultime riguardano il mancato rispetto dei limiti di peso e sagoma, l’inosservanza delle prescrizioni previste per il trasporto o la mancanza delle prescritte autorizzazioni e nei casi più gravi prevedono sanzioni a partire da 794 euro, la sospensione della patente di guida e della carta di circolazione nonché la segnalazione al Prefetto ai fini dell’applicazione di eventuali sanzioni accessorie alla ditta autorizzata all’effettuazione della scorta tecnica al trasporto eccezionale.
La delicatezza della materia in questione, per i profili di sicurezza stradale, impone una rigorosa disciplina che prevede il possesso di apposite autorizzazioni per il trasporto nonché il rispetto di una serie di prescrizioni da parte dei conducenti. In alcuni casi inoltre, è richiesta la scorta al trasporto eccezionale da parte di personale tecnico. Il rilascio del relativo titolo abilitativo avviene attraverso sessioni d’esame periodiche presso il Compartimento Polizia Stradale.
I trasporti in condizioni di eccezionalità avvengono spesso di notte, al fine di creare minori turbative possibili al normale traffico autostradale, e ciò comporta la predisposizione di appositi servizi di controllo in fascia oraria notturna nei punti più strategici della viabilità ligure. Numerosi i transiti, soprattutto intorno al nodo genovese, di veicoli eccezionali provenienti da tutto il nord Italia e diretti verso gli scali portuali di Genova e Savona.

 

Fonte: genova24.it – 30 aprile 2021

Pubblicato 30/04/2021