Didascalia

Il trasporto idroviario commerciale interno italiano si sviluppa principalmente attorno al bacino idroviario padano-veneto, che trova nell'idrovia Fissero-Tartaro-Canalbianco il suo elemento chiave, la cosiddetta "Autostrada blu".

 

L'Asta navigabile del fiume Po, infatti, è l'unica tratta che garantisce la navigabilità a scopo commerciale per 365 giorni all'anno. Nonostante incida solo per lo 0,1% dei volumi di merci trasportate - rispetto a una media di oltre il 20% nei primi 5 Paesi benchmark -, grazie ai nuovi fondi stanziati e all'apertura del collegamento con Chioggia, le merci transitanti per il sistema idroviario sono aumentate del 160% dal 2015.

 

La filiera estesa del sistema idroviario del Nord Italia coinvolge 25 macro-settori economici e genera un valore aggiunto di quasi 500 milioni di euro per il territorio (circa il 3% del PIL delle province di Rovigo e Mantova).

Non solo benefici economici, ma anche ambientali: si stima che una crescita del 25% del trasporto idroviario comunitario favorirebbe il raggiungimento dei target di decarbonizzazione europei.

 

Fonte: https://www.provincia.mantova.it/ 

Leggi l’articolo nella versione integrale

 
Pubblicato 29/06/2024