Didascalia

Arrivare a Trastevere in metropolitana. Andare a cena o a fare un aperitivo senza estenuanti (e magari vane) ricerche di un parcheggio: la metro D di Roma consentirà (anche) questo.

 

La nuova linea sotterranea collegherà la città storica con i quartieri Talenti (il capolinea dovrebbe sorgere in fondo a via Ugo Ojetti), Montesacro e Salario - sul versante nord - e Trastevere, San Paolo, Marconi, Magliana ed Eur (altro capolinea in piazzale dell’Agricoltura) su quello sud.

 

La realizzazione della linea D consentirà di raggiungere più obiettivi. Innanzitutto una migliore accessibilità del centro storico, attraverso la “chiusura della maglia” costituita dalle quattro linee metro con le quattro stazioni di corrispondenza - Termini (A/B), Colosseo (B/C), Venezia (C/D) e Spagna (A/D) - nonché con la realizzazione di una nuova stazione a piazza San Silvestro.

Si otterrà poi un conseguente e sostanziale alleggerimento della pressione esercitata dal traffico privato sul Centro, attraversando zone ad alta densità di residenze, uffici e negozi (come Trieste e Salario) non servite dalle altre linee metro. 

Ultimo obiettivo, ma solo in ordine di apparizione, il collegamento tra di esse, e con il Centro, di zone residenziali e commerciali quali viale Marconi e via Magliana Nuova - a sud - e Prati Fiscali, Montesacro Alto e Talenti, a Nord.

 

Fonte: https://romamobilita.it/ 

Leggi l’articolo nella versione integrale

Pubblicato 30/01/2024