Didascalia

MODENA – Riaprono i lavori pubblici e Anas apre i cantieri in tangenziale, lavori attesi a lungo per consolidare l’asfalto e riparare le buche, incubo degli automobilisti. I lavori prenderanno il via all’altezza dell’uscita 10 in direzione Sassuolo e finiranno, salvo maltempo il 10 agosto. Interesseranno tutta la tangenziale fino alla diramazione per Sassuolo per poi riprendere in senso opposto di marcia. Inevitabili restringimenti di carreggiata nei tratti interessati dai lavori. Anche il Comune mette mano a un piano dal costo di 550mila euro. Si parte da corso Canalchiaro nel tratto tra corso Duomo e via Bonacorsa: torneranno presto alla luce i ciotoli ora coperti dall’asfalto. Si guarda alla storia, ma anche alla sicurezza e all’efficienza con il rifacimento di marciapiedi, portici e l’abbattimento di barriere architettoniche. Lavori previsti anche su caditoie, pozzetti, tubazioni di scolo. Inevitabili alcuni disagi alla circolazione. In Canalchiaro stop alla circolazione nel tratto interessato fino al 3 agosto.
La scaletta del Comune prevede cantieri anche fuori dal centro, in programma la riasfaltatura di via Campobasso, lavori a breve anche tra via della Pace e via Venturi con il rifacimento anche dei marciapiedi. Tornando al centro storico, previsti cantieri su via Canalino, via San Giacomo, via Emilia Centro, via Farini, via Falloppia e via Battisti. Il piano prevede inoltre interventi in viale Gramsci, via Gherbella, via Paganine, via Mattarella e poi ancora il quartiere 4 con via Pomposiana, via Villanova, via Notari, piazza Guido Rossa e il parco Londrina. In programma anche il potenziamento della viabilità sostenibile. Ammontano a 11 milioni e 578 mila euro le risorse assegnate ai centri urbani dell’Emilia Romagna per la realizzazione di ciclovie urbane, ciclostazioni e altri interventi per la sicurezza degli amanti della bicicletta. A Modena andranno oltre 900mila euro per il biennio 2020/2021.

 

Fonte: modenaindiretta.it – 20 giugno 2020

Pubblicato 23/06/2020