Didascalia

I monopattini elettrici sui marciapiedi sono diventati odiosi tanto quanto le auto parcheggiate che ostacolano il passaggio di pedoni, passeggini e carrozzine. Se un recente sondaggio ha rivelato che quasi 1 automobilista su 2 è stressato dai monopattini elettrici in Germania, in Italia sono 2,5 milioni quelli favorevoli alla micro-mobilità elettrica. Da oggetto ludico, il monopattino elettrico è diventato il nuovo mezzo di trasporto nelle grandi città, al punto che per decongestionarle il Governo ha stanziato un bonus fino a 500 euro per ogni acquisto di monopattini elettrici, bici o hoverboard. Ma come si comportano gli italiani alla guida di un monopattino elettrico? Ecco alcune risposte.
Secondo un sondaggio di Facile.it la metà degli italiani sul monopattino non si fa problemi a guidare sui marciapiedi. Alla domanda “Se devi percorrere un tragitto sprovvisto di piste ciclabili o corsie dedicate, dove utilizzi il monopattino?” il 52,7% degli intervistati dichiara di usare il monopattino elettrico sul marciapiede o nelle aree pedonali. Una condizione che fa emergere la necessità di redistribuire gli spazi nell’ottica della sicurezza stradale, ma anche uniformare divieti e regole che oggi sono stabiliti dai singoli comuni in funzione della morfologia del territorio e dell’urbanistica.

 

Fonte: sicurauto.it – 7 settembre 2020

Pubblicato 12/09/2020