Didascalia

Una scelta quasi obbligata, quella dell’Amministrazione comunale di Padova, che ha appena assunto tre ausiliari della sosta, con contratto a tempo determinato, dovendo far fronte alle continue richieste di intervento da parte dei cittadini, per il contrasto alla sosta vietata di veicoli nei diversi rioni.
Dai dati forniti dal Comando di Polizia Locale si scopre che sono state oltre 2.000 in più, rispetto all’anno 2017, le segnalazioni di veicoli in sosta vietata o di intralcio, pervenute alla centrale operativa nell’ultimo anno.
Il Sindaco dichiara: “Mi sono confrontato a lungo sull’argomento con il Comandante della Polizia Locale, e alla fine abbiamo deciso che era necessario disporre di personale apposito per soddisfare le richieste dei cittadini di avere più ordine lungo le strade ed in particolare all’interno della zona a traffico limitato. Nel 2018 abbiamo ricevuto 9.800 richieste di intervento per la sosta irregolare di veicoli, mentre nel 2017 erano circa 7.500; vuol dire che i cittadini e in particolare i residenti vogliono vivere e lavorare in una città ordinata dove si assicura il diritto ad una mobilità agevole e sicura anche ai ciclisti e ai pedoni. Numerose segnalazioni, infatti, riguardano piste ciclabili e marciapiedi, non solo in centro storico, resi impraticabili dalla scarsa sensibilità civica di chi vi abbandona l’auto senza preoccuparsi degli altri. Spero, da oggi, in una maggiore attenzione per quelle regole di civile convivenza, peraltro previste dal Codice della Strada, che consentono a tutti di muoversi senza problemi nella nostra bella città”.

 

Fonte: iltabloid.it – 9 gennaio 2019

Pubblicato 10/01/2019