Didascalia

A seguito delle modifiche introdotte dal “Nuovo Codice della Strada”, entrato in vigore lo scorso novembre, il decreto, oltre alla viabilità, inserisce nuove norme che cambiano anche alcuni aspetti di carattere amministrativo.

Ne è un esempio il rilascio della patente, con modifica della modalità di svolgimento della prova teorica già dall’8 gennaio 2022 (data di applicabilità delle nuove disposizioni). Il nuovo esame sarà infatti in formato ridotto: 30 domande in 20 minuti, con un massimo di 3 risposte errate per il suo superamento - attualmente prevede 40 domande a cui rispondere in 30 minuti, con un massimo di 4 errori accettati.

I motivi

A pesare, sugli uffici della Motorizzazione, sono ancora gli effetti del Covid-19, con le infrastrutture della pubblica amministrazione incapaci di colmare la mole di lavoro accumulata con le chiusure causate dalla pandemia. Grazie all’utilizzo di un format più veloce nella teoria, quindi, non solo si snellisce l’iter di conseguimento della certificazione di guida, ma si permette anche un tempo di aggregazione inferiore nelle aule di svolgimento, funzionale alla limitazione di possibili contagi in spazi chiusi. Questa variazione interessa le patenti per motocicli - tutte le categorie della A (A1 e A2), e per automobili - tutte le B (anche per la B1 e BE). Saranno invece escluse dalla nuova regolamentazione le patenti C, D e per ciclomotori.

Fonte alvolante.it – 11 dicembre 2021

 

Leggi l’articolo nella versione integrale

Pubblicato 07/01/2022