Didascalia

A Pisa, l’Arno diventerà navigabile, una promenade in acqua lunga quasi venti chilometri, per ammirare dal basso le bellezze delle città e scoprire tesori naturali. È il progetto su cui il Comune punta e prende il nome di “turismo fluvestre”, in grado cioè di integrare il tema del fiume a quello terrestre. Tutto nasce grazie a un primo contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, risalente al 2020. La Presidenza ha selezionato Pisa tra le città pilota in Italia, e prevede la realizzazione di una nuova via fluviale, con la creazione di infrastrutture che permettano la navigazione in sicurezza: il dragaggio, il posizionamento di segnaletica sulle sponde, di galleggianti di orientamento per il percorso e lo sviluppo di un nodo turistico con offerte differenziate. Il progetto ha un costo stimato di 2,5 milioni di euro e sarà realizzato in tre anni e mezzo.

 

La promenade dell’acqua è solo uno dei progetti che il Comune ha in mente, e che ha presentato nel corso del convegno agli Arsenali Repubblicani “Pisa 2050. Connessioni VerdeBlu per la città del futuro”. Dall’Arno al verde pubblico alle infrastrutture, tutte nell’ottica di una mobilità sostenibile, che per il sindaco significa anche “una tramvia, come quella che abbiamo presentato al Ministero delle Infrastrutture, e che riproporremo per essere finanziata dai prossimi bandi ordinari sul fondo delle opere pubbliche”.

 

Fonte: https://www.intoscana.it/ 

Leggi l’articolo nella versione integral

Pubblicato 22/11/2022