Didascalia

Martedì 12 gennaio, la vicepresidente dell’Associazione Meridiani, con il coordinamento della docente referente per l’insegnamento dell’educazione civica, ha tenuto in videoconferenza lezioni sulla sicurezza stradale ad oltre 174 studenti, con il coinvolgimento di 21 docenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Mattei-Fortunato” di Eboli.
L’educazione stradale è una delle priorità su cui il Ministero dell’Istruzione lavora, per promuovere tra i giovani la cultura della sicurezza in strada. L’ultima novità, in vigore da quest’anno, in materia di curricoli trasversali, è l’insegnamento dell’educazione civica. Cittadinanza attiva e responsabile, rispetto delle regole condivise, formazione efficace dell’uomo e del cittadino, sono le nuove linee d’indirizzo dell’Educazione civica su cui si basa la scuola. Ed è per questo che l’Associazione Meridiani promuove da anni il progetto sulla sicurezza stradale #siisaggioguidasicuro, le cui finalità constano nel contribuire alla salvaguardia dell’incolumità dei giovani e al modo corretto di stare in strada, attraverso la promozione di iniziative di prevenzione e sensibilizzazione. La vicepresidente dell’Associazione ha ricordato agli studenti e ai docenti durante le lezioni che “il progetto si articola in tre fasi: un’attività di formazione; l’elaborazione di progetti da parte degli studenti che partecipano attivamente al ‘Concorso di Idee – Inventa una soluzione per la sicurezza stradale!’ (con termini di scadenza il 26 marzo) e la manifestazione conclusiva con l’allestimento del ‘Villaggio Sii Saggio, Guida Sicuro’, destinato alla diffusione di gadget e materiali informativi/divulgativi e alla premiazione degli elaborati“.
Nel corso degli incontri remoti è stato proiettato anche il videomessaggio dell’Assessore all’Istruzione della Regione Campania, che ha esortato gli studenti alla guida responsabile e al rispetto delle regole, sostenendo che sono i giovani che devono promuovere nuove idee per prevenire gli incidenti stradali e ridurre la gravità dei loro esiti.

 

Fonte: gazzettadisalerno.it – 12 gennaio 2020

Pubblicato 13/01/2021

Approfondimenti