Didascalia

Trent'anni son trascorsi da quando, in vista di Italia 90, si tracciava la strada per una collaborazione di molteplici realtà per diffondere l'informazione sulla viabilità, ai tempi della prima infanzia della telefonia cellulare e dell'informatica personale e dell'adolescenza della televisione privata.
Da allora "CCISS - Viaggiare informati" evoca l'informazione sul traffico e sulla viabilità, prima ancora della nascita del vigente codice della strada, che avrebbe visto la luce solo nel 1992.
La RAI, servizio pubblico allora come oggi, veicolava, e veicola ancora, le informazioni nelle case degli italiani.
L'ACI, forte dell'ultrasecolare capillare attività in tema di autoveicoli e di sicurezza stradale in particolare, era attivo, come lo è tuttora, in una serie di compiti che ancor oggi svolge con immutata efficacia.
La Polizia stradale è il motore del controllo e del soccorso sulle strade di grande viabilità e come tale riveste un ruolo chiave per il buon fine delle grosse ondate di spostamenti di massa.
I Carabinieri, con la loro ineguagliata capillarità sul territorio, svolgono un analogo ruolo sulle strade secondarie che, se meno eclatante in intensità, è esteso per la maggior parte dell'anno.
L'ANAS, pur se da allora ha trasferito una parte della sua rete alle regioni, è da sempre il riferimento dei gestori delle strade e il detentore della conoscenza per antonomasia.

In questo trentennio si è assistito ad un'evoluzione della società, della tecnologia, dei costumi. E anche del CCISS.
Sempre uguale a sé stesso nello stile, sempre in evoluzione nelle forme.
Ai canali televisivi e radiofonici si sono aggiunti il 1518 con i suoi bollettini ed i suoi operatori, il sito web con le sue informazioni in tempo reale ed i social.
E, dietro le quinte, l'informatica, che nel frattempo ha raggiunto la sua maturità, permette il colloquio diretto con i sistemi di navigazione dei veicoli, che vengono informati dal CCISS degli eventi e ricalcolano il tragitto conseguentemente.
E i canali telematici, trasferendo gratuitamente le notizie certificate del CCISS, permettono la diffusione delle informazioni sulla sicurezza stradale da parte di tutti i media nel migliore e nel più utile dei modi.
Parallelamente, anche il modo di acquisizione delle notizie segue le evoluzioni tecnologiche, con l'obiettivo finale di avere ogni notizia in tempo reale da ogni strada attraverso i canali telematici.

Il nuovo portale è una delle tante tappe e l'incipit è ora "Viaggiare informati... e sicuri": è in un certo senso una tautologia - parliamo sempre del Centro di Coordinamento delle Informazioni sulla Sicurezza Stradale - ma sottolinea l'intento di incorporare in esso, nella maniera più fruibile, tutte le notizie, i dati e le informazioni utili a perseguire i fini ultimi della sicurezza personale, della sicurezza dei mezzi e della sicurezza di viaggiare al meglio.

Pubblicato 26/09/2018